IL RADICALE

ARTE AMBIENTALE

Bernd and Hilla Becher
Bernd and Hilla Becher

BERND E HILLA BECHER

 

Più che soltanto fotografi, i Becher sono considerati artisti concettuali che hanno avuto grande influenza sulle generazioni successive per la loro puntuale presentazione, in forma di fotografia e catalogazione tipologica, di immagini di edifici e strutture industriali. Già alla fine degli anni ’50 documentano nella valle della Ruhr, dove la famiglia di Becher aveva lavorato, una serie di edifici di un’architettura industriale tedesca ormai destinata a scomparire – gasometri, magazzini di carbone, fornaci, silos – sottolineandone non solo le similitudini ma anche le qualità formali che risultavano evidenti nella comparazione.  La tecnica fotografica da loro usata intendeva basarsi sulla ‘oggettività’: scatti di una medesima tipologia di edifici, effettuati in giorni senza sole per evitare le ombre, inserendo le immagini in un contesto che evidenziasse le costruzioni sottolineandone le similitudini ed eliminando i particolari.  Esposero e pubblicarono le fotografie, realizzate nel corso degli anni anche nei distretti minerari di altri paesi quali il Regno Unito, il Belgio, gli Stati Uniti,  secondo un criterio ‘tipologico’ (Typologien, Industrieller Bau, 1963-75 / Typologies, 2004), in gruppi di sei, nove o quindici di uguale soggetto, determinandone una visione comparata la cui inevitabile efficacia era basata su una ricerca minimalista. Oltre alle qualità tecniche e analitiche, l’opera dei Becher contiene un risvolto ambientale per il valore documentario, spesso utile nel recupero e riuso di edifici di archeologia industriale.