NEWS



Mostra SUPERDESIGN

Gianni Pettena, "Wearable Chairs", 1971
Gianni Pettena, "Wearable Chairs", 1971

SUPERDESIGN

 

R & Company, New York

7 Novembre 2017 – 4 Gennaio 2018

  

R & Company presenta SuperDesign, un panorama del radical design italiano, curato da Maria Cristina Didero.  La mostra ha richiesto oltre un decennio di lavoro ed è stata realizzata attraverso un accurato lavoro di ricerca, di raccolta e di frequenti viaggi in Italia per intervistare i protagonisti di quel movimento. Gli artisti e designers in mostra sono Piero Gilardi, Archizoom Associati,  Studio 65, Gianni Ruffi, Kazuhide Takahama, Lapo Binazzi, Luigi Bandini Buti, Ugo La Pietra, . Studio A.R.D.I.T.I., Gino Marotta,  Gianni Pettena,  Superstudio, Marion Baruch, Ettore Sottsass, Guido Drocco , Franco Mello e Gianfranco Frattini.

 

 

La rassegna sottolinea nel suo insieme il lavoro di questi prestigiosi protagonisti attraverso una piccola, preziosa collezione di opere visionarie, oltre ad una selezione di rari disegni d’archivio e di fotografie, e  un lungo documentario (62 minuti) di Francesca Molteni che contiene interviste con questi pionieri del design e rari filmati inediti. La mostra sarà accompagnata da un catalogo pubblicato da Monacelli Press, anch’esso a cura di Maria Cristina Didero, con una introduzione di Evan Snyderman di R&Company e contributi di Deyan Sudjic and Catharine Rossi.

Gianni Pettena, "Grass Architecture", 1971
Gianni Pettena, "Grass Architecture", 1971

MUSÉE EN ŒUVRE(S) | CENTRE POMPIDOU, Parigi

Gianni Pettena, "Wearable Chairs" 1971
Gianni Pettena, "Wearable Chairs" 1971

NOUVEAU PARCOURS AU MUSÉE ET NOUVELLE PRÉSENTATION DES COLLECTIONS CONTEMPORAINES 

 

CENTRE POMPIDOU, Parigi

Inaugurazione, Giovedì 19 Ottobre 2017, ore 18

 

A partire da questa data, il Museo nazionale d’arte moderna del Centro Pompidou presenta una nuova sistemazione dei piani 4 e 5, dedicati all’arte contemporanea dalla fine degli anni ’60, che si sviluppa  secondo un percorso che ne segue lo sviluppo temporale e tematico.

La sala 12 al piano 4, Design e Tecniche Povere/Global Tools, propone opere della collezione permanente di designers, architetti e artisti caratterizzate dai principi di quella contro-scuola, cioè la diffusione della creatività collettiva e del  ruolo socio-politico dell’architettura.

Di Gianni Pettena sono in mostra gli originali delle Wearable Chairs, realizzate per la performance di Minneapolis del 1971, e l’intera installazione esposta in quello stesso anno al Minneapolis Institute of Arts.

Download
Comunicato stampa
DP_MUSEE 09.10.pdf
Documento Adobe Acrobat 4.5 MB

UTOPIE RADICALI Oltre l’architettura: Firenze 1966-1976

a cura di Pino Brugellis, Gianni Pettena, Alberto Salvadori

20 ottobre 2017 – 21 gennaio 2018

Galleria La Strozzina, Palazzo Strozzi, Firenze

Inaugurazione 19 ottobre 2017, ore 19

 

La mostra presenta un’ampia selezione di opere – oggetti di design, video, installazioni, performances - degli architetti cosiddetti radicali che operarono  a Firenze a ormai mezzo secolo di distanza, a partire dal 1966,  in forme ricche di linguaggi innovativi e molto diversificate tra loro, ma accomunate da un sistema di revisione appunto radicale degli strumenti operativi tradizionali, così come,  in anni appena precedenti, era già avvenuto in Inghilterra e in Austria. Vengono illustrate attraverso dettagliati pannelli esplicativi le origini, ispirazioni e motivazioni dei singoli e dei gruppi e la ragione per cui quello che ormai si può definire un movimento nacque proprio a Firenze, in  anni caratterizzati da tensioni politiche e sociali ma anche da un generale clima di rinnovamento artistico.  La mostra, anche attraverso un documentato catalogo, illustra e dimostra inoltre il  percorso di continuità che, a partire dalla visionarietà dell’utopia critica originatasi a Firenze, si è tradotto, nelle generazioni successive, in un nuovo approccio a livello internazionale nella ricerca progettuale di architetti, storici, designers e artisti.


ARTE RIBELLE 1968-1978 Artisti e gruppi dal Sessantotto

12 ottobre – 9 dicembre 2017

Inaugurazione,  11 ottobre ore 18.30

 

Galleria Gruppo Credito Valtellinese

Corso Magenta 59 – Milano

 

Progetto ideato da Marco Meneguzzo e curato da Cristina Quadrio Curzio e Leo Guerra, direttori artistici delle Gallerie del Credito Valtellinese, la mostra intende indagare le espressioni artistiche che in Italia si sono ispirate alla protesta politica a partire dal 1965, inizialmente come rifiuto della guerra del Vietnam, fino almeno alla metà degli anni settanta. 

 

Viene presentato un gruppo abbastanza ristretto di artisti, essenzialmente operanti tra Milano e Roma, tra cui Vincenzo Agnetti, Franco Angeli, Nanni Balestrini, Gianfranco Baruchello, Fabio Mauri, Mario Ceroli, Emilio Isgrò, Mario Schifano, Ugo La Pietra, Franco Vaccari, Gianni Pettena, cui si affiancano coloro che in quel periodo, anche anonimamente, hanno operato nel campo dell’illustrazione, del muralismo e nelle diverse altre forme di comunicazione visiva.  Un confronto dunque tra linguaggi cosiddetti “alti” (pittura da un lato e arte “concettuale” e comportamentale dall’altro) e “bassi” (l’illustrazione di riviste e di fanzine), che in quegli anni hanno cercato di costruire un linguaggio espressivo al contempo innovativo e accettato dalle grandi masse.

 

Gianni Pettena, "Grazia e Giustizia", 1968
Gianni Pettena, "Grazia e Giustizia", 1968

L’AIR VIBRE DU BOURDONNEMENT DES INSECTS

L’AIR VIBRE DU BOURDONNEMENT DES INSECTS

(L’ARIA VIBRA DEL RONZIO DEGLI INSETTI)

 

7 Ottobre – 17 Dicembre 2017

Museum of Contemporary Art (MoCA)

Rochechouart

 

La mostra, curata da Sebastien Faucon, che ricalca nel titolo quello di un’opera di Pier Paolo Calzolari del 1970, presenta con ampiezza e varietà opere che dagli anni ’60 ad oggi propongono una riflessione sulla vera natura delle cose che ci circondano e al tempo stesso individuano il nascere di una sensibilità ecologica.

E’ un insieme, volutamente non cronologico, di pezzi provenienti dalla collezione permanente di Arte Povera del museo (Anselmo, Boetti, Calzolari, Penone) e di Land Art, affiancati da recenti acquisizioni (Michael J. Smith, Gianni Pettena, Julien Discrit) e da lavori di artisti invitati per l’occasione. Pur senza essere uno studio approfondito sull’eredità che l’Arte Povera ci ha lasciato, la mostra propone un continuum di artisti che hanno scelto una visione poetica del banale cui si aggiunge una vena di attivismo politico.

Gianni Pettena: Red line, 1972
Gianni Pettena: Red line, 1972

GIANNI PETTENA-Scultori a Brufa- 25.08/03.09.17

 GIANNI PETTENA 

Architetcture forgiven by nature

Scultori a Brufa. La strada del vino e dell'arte. Trentunesima edizione.

Brufa, 25.08 – 03.09.2017

Inaugurazione: Venerdì 25 agosto, ore 18.00

A cura di: Bruno Corà

 


1 Commenti

GIANNI PETTENA Architetture naturali | Merano Arte/Kunst Meran 22.07 – 24.09.2017

GIANNI PETTENA "Human Wall"
GIANNI PETTENA "Human Wall"

 GIANNI PETTENA 

Architetture naturali

Merano Arte/Kunst Meran 22.07 – 24.09.2017

Inaugurazione: Venerdì 21 luglio, ore 20.00

Curatrice: Christiane Rekade

 

La mostra si svolge in contemporanea con quella della statunitense Helen Mirra (“Camminare, tessere”) il cui linguaggio artistico presenta aspetti di affinità con l’opera di Gianni Pettena per quanto riguarda il confronto continuo con il paesaggio, il rapporto con la Natura e il collegamento tra i paesaggi dell'Alto Adige e degli Stati Uniti, territori che hanno entrambi esercitato una forte influenza sul lavoro dei due artisti.

 

Per Gianni Pettena il paesaggio locale riveste infatti un ruolo fondamentale per lo sviluppo delle sue creazioni e concezioni in campo architettonico – tanto che, in proposito lo stesso Pettena parla de “la mia scuola di architettura”. La mostra a Merano Arte si occupa di questo rapporto e del costante confronto che caratterizza il legame dell’artista con il paesaggio della sua terra, accompagnando tutta la sua attività. 

 

http://www.kunstmeranoarte.org


Da Duchamp a Cattelan. Arte contemporanea sul Palatino

ARCHIPENSIERO di Gianni Pettena nella mostra da Da Duchamp a Cattelan.  Arte contemporanea sul Palatino Inaugurazione 27 giugno, ore 18.30

 


ALT AL PALATINO - DA DUCHAMP A CATTELAN

100 opere di grandi artisti dalla raccolta Tullio Leggeri

A cura di Tullio Leggeri e Alberto Fiz

 

Foro Palatino - Via di San Gregorio n. 30 - Roma

Dal 28 giugno al 29 ottobre 2017

Nella mostra, curata da Alberto Fiz, si confrontano arte contemporanea e archeologia attraverso 100 opere provenienti dal museo ALT creato dall’architetto Tullio Leggeri, tra i maggiori collezionisti italiani, che fin dagli anni ’60 ha avuto un particolare rapporto con gli artisti, sviluppando i progetti insieme a loro con suggerimenti sia tecnici che creativi.

In questo particolare contesto è stato ricostruito su grande scala ARCHIPENSIERO di Gianni Pettena, opera ideata e costruita per la prima volta in altre dimensioni nel 2001.

Gianni Pettena  è presente con un suo intervento anche nel catalogo, curato anch’esso da Alberto Fiz e edito da Electa.

 

http://www.altartecontemporanea.it/Blog/alt-al-palatino-collezione-tullio-leggeri-25

Download
Invito
Invito_digitale.jpg
Formato JPG 49.5 KB
Download
Comunicato stampa
cs_Palatino Contemporaneo.pdf
Documento Adobe Acrobat 291.7 KB

0 Commenti

Televisionario. Fondazione Prada, Milano 8 maggio-24 settembre 2017

La mostra è un progetto concepito dall’artista Francesco Vezzoli e sviluppato in collaborazione con la Rai che esplora la produzione e l’immaginario televisivo degli anni Settanta, ed è pensato come un viaggio in tre tappe: Arte e Televisione, Politica e Televisione, Intrattenimento e Televisione.  Il progetto si articola in un dialogo serrato tra programmi tv e opere d'arte – scelte come contrappunto ideale alle produzioni televisive, come documenti materiali dell’epoca da alternare all’immaterialità del flusso delle immagini –  in un continuo gioco di rimandi  e cortocircuiti visivi e semantici.

Gianni Pettena partecipa alla mostra con l’opera “Applausi” (1968), ironicamente collocata a conclusione del percorso espositivo.

 


0 Commenti

"Montagne naturali" & "Levitazione" di Gianni Pettena

17 APRILE 2017 | Presentazione di "MONTAGNE NATURALI" e "LEVITAZIONE" di Gianni Pettena

FATTORIA MONTELLORI,  Fucecchio (Firenze)

Spazio vuoto riservato a Gianni Pettena |Mega, Milano | 29 Mar 2017 - 2 Apr 2017

Gianni Pettena

Spazio Vuoto Riservato a Gianni Pettena

 

29 Mar 2017 - 2 Apr 2017

Vernissage mercoledì 29, 18.30-22

MEGA, Piazza Vetra 21, Milano

 http://www.megamegamega.it

 

Gianni Pettena colloca la sua pratica artistica/intellettuale tra l’arte concettuale e la land art, con un leitmotiv in cui il suo credo si confronta sempre con una fisicizzazione ricondotta alla scala del corpo e del contesto. Spazio Vuoto Dedicato a Gianni Pettena, un progetto inedito per l’Italia, indaga gli aspetti più profondi dello spazio vissuto, un percorso verso la scoperta di un approccio altro della disciplina architettonica. Questo lavoro si snoda tra rottura e memoria alla ricerca di una nuova definizione dello spazio e del rapporto dicotomico tra pieno e vuoto. Attraverso l’uso della performance, si intende creare una spaccatura con il termine e l'idea stessa di vuoto, al fine di attribuire ad esso una nuova e fragorosa valenza simbolica, così che il pubblico viene portato a riflettere sulla spazialità vissuta da ogni individuo.  L’atto della performance innesca il momento artistico, ma sarà il suo esaurirsi a cristallizzarne e formalizzarne i lasciti, ben evidenti e in continua interazione tra l'interno e l'esterno dello spazio di MEGA. 

0 Commenti

Conferenza artiparlando: Gianni Pettena | 16 Marzo 2017, ore 20 | Museion Bolzano

Conferenza

artiparlando: Gianni Pettena

Giovedì 16 Marzo 2017, ore 20 | Museion Bolzano

Il progetto come linguaggio

 

L’arte suscita interrogativi, il design li risolve. Il design cerca la funzione, mentre l’arte non

ha uno scopo pratico: ma è ancora così? Che rapporto c’è tra funzionalità e libera

creatività in due discipline affini, ma diverse, come il design e l’arte? Quanto sappiamo

leggere il linguaggio che parlano gli oggetti di design? Come presentarli e comunicarli in

un museo?

Quattro relatori di alto livello affrontano queste domande da diverse prospettive e

angolazioni. Il ciclo di artiparlando 2017 prende spunto dall’attivazione del curriculum in

Arte nel Corso di Laurea in Design e Arti della Libera Università di Bolzano.

Gianni Pettena

Architetto, artista, docente, critico, tra i fondatori del movimento dell’Architettura Radicale.

Le sue opere sono conservate in numerose collezioni private e di musei e istituzioni

internazionali.

See more at: http://www.museion.it/2017/03/artiparlando-2/

0 Commenti

Mostra “ORIENTATION”. Parigi, Galleria 'salle principale'. 17 febbraio – 15 aprile 2017

Red Line ( Salt Lake City, 1972)
Red Line ( Salt Lake City, 1972)

ORIENTATION

Galleria 'salle principale', Parigi

17 febbraio — 15 aprile 2017 (Opening 16 febbraio ore 18)

 https://www.salleprincipale.com/galerie

 

Tema della mostra, a cui partecipano les gens d’Uterpan, Dominique Mathieu, Gianni Pettena, Matthieu Saladin e Lois Weinberger,  è il concetto di viaggio sia in contesto urbano che nel paesaggio.

Gianni Pettena presenterà una composizione fotografica sulla performance Red Line (Salt Lake City, 1972).

Red Line, ultima delle tre opere realizzate durante il soggiorno a Salt Lake City nel 1972, consiste nella 'fisicizzazione' del confine comunale, una linea rossa di circa quaranta chilometri dipinta sulla strada seguendo, come carta di navigazione, la pianta della città e la delimitazione del confine comunale: un'operazione realizzata sporgendosi da un camioncino sul quale erano stati caricati qualche bidone di vernice rossa, una pistola a spruzzo e un compressore per farla funzionare.

La performance conclude una trilogia di lettura metaforica delle contraddizioni della città contemporanea, della sua stupidità come delle sue bellezze, compiuta con interventi che hanno anche una valenza strettamente contestuale poiché affrontano il tema del rapporto con la città, il rapporto con l'abitare oggi, in un luogo in cui la presenza degli elementi naturali, in particolare del Grande Lago e del Grande Deserto Salato, è particolarmente rilevante.


0 Commenti

Mostra "About Non Conscious Architecture". Milano, Galleria Giovanni Bonelli

La galleria Giovanni Bonelli è lieta di presentare, per la prima volta nei propri spazi, un’ampia antologica dei lavori dell'artista Gianni Pettena, che si concentrerà sull’attività svolta tra il ’68 e la fine degli Anni’70: il decennio cruciale della sperimentazione artistica e sociale in Italia.

Se anni fa Emilio Ambasz scriveva che Gianni Pettena è tra quei protagonisti dell’Architettura Radicale che non hanno ancora avuto il giusto riconoscimento, è vero che proprio adesso si assiste ad un’unanime riscoperta internazionale e a un’attenzione del tutto nuova della figura dell’artista che, per anni, è stata  subordinata a quella del critico e dell’interprete dell’Architettura Radicale. Proprio per questo la figura e la multiforme attività di Pettena appaiono oggi totalmente inedite e tali da raccogliere in sé tematiche decisive per la contemporaneità, come il rifiuto del lavoro disciplinare, il sabotaggio, l’appropriazione, la performatività dell’urbano e la riscoperta del carattere fisico dei luoghi e del paesaggio naturale. Da qui deriva il titolo della mostra che è tratto da un articolo fondamentale di Pettena uscito sulla rivista “Casabella” nel 1974, risultato dei suoi ripetuti viaggi nel Sud Ovest degli Stati Uniti: dal deserto dello Utah alla Monument Valley.

Il 1973 è anche la data del suo libro, ormai leggendario, “L’Anarchitetto” in cui molte sono le affinità con la pratica artistica che, in perfetta sincronia, stava sviluppando Gordon Matta-Clark ma con cui molte sono pure le differenze. Tuttavia in entrambi alla base c’è l’idea di non costruire ma di operare nel già costruito, lasciandone emergere lo spazio inconscio o inconsapevole che  normalmente viene rimosso - così come l’idea dell’architettura e dello spazio quale evento, come performance permanente, che vede il rapporto di Matta-Clark con Trisha Brown e di Pettena con Giuseppe Chiari.

Per questo motivo Marco Scotini ha scelto di presentare un'ampia selezione di lavori risalenti alla fine degli anni '60 e i primi anni '70, non per sottrarre l’autore alla sua opera successiva di grande valore ma nella convinzione che risale proprio a questo periodo, dell’attività di Pettena, uno dei raggiungimenti cruciali del fare arte ancora tutto da scoprire e da praticare. Nel percorso espositivo saranno presentati molti materiali editi ed inediti realizzati da Pettena con differenti media. Per l'occasione sarà riallestita al centro della galleria la grande scritta Carabinieri (creata per la prima volta nel 1968) che è uno degli esempi più importanti di intervento spaziale semiotico di quegli anni, in cui è il linguaggio stesso a rivelare il carattere (di cattura e controllo) del contesto, mettendo in evidenza la natura etico-estetica della ricerca radicale di Gianni Pettena. 

0 Commenti

"Incontri Radicali". Roma, MAXXI. 12 e 26.11.2016

Gianni Pettena parteciperà al secondo incontro di "Incontri Radicali" (26 novembre 2016, ore 11,30) al MAXXI di Roma.

www. fondazionemaxxi.it

 


1 Commenti

"Memorie del contemporaneo". Firenze, Auditorium S.Apollonia. 22-23.11.2016

 

 

 

Convegno "Memorie del Contemporaneo"

Firenze, Auditorium di Sant'Apollonia

22-23 novembre 2016

 

a cura di Alessandra Acocella e Caterina Toschi

 

Gianni Pettena parteciperà all'incontro-dibattito "Racconti. Archivi e raccolte d'arte contemporanea a Firenze" (23 novembre, ore 12,30-13,30).

 

Per maggiori informazioni sull'incontro e sul convegno scarica il programma in .PDF.

Download
Memorie contemporaneo_Programma.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.7 MB

0 Commenti

Mostra "La fine del Mondo". Prato, Centro Pecci. 16.10.2016-19.03.2017

LA FINE DEL MONDO

Centro Pecci per l’Arte Contemporanea, Prato

16 ottobre 2016—19 marzo 2017

a cura di Fabio Cavallucci

 www.centropecci.it

 

La grande mostra allestita in occasione della tanto attesa riapertura del Centro Pecci dopo il completamento della nuova struttura progettata da Maurice Nio e la riqualificazione dell’edificio originario di Italo Gamberini, è intesa dal curatore - il direttore del Centro Fabio Cavallucci, affiancato da numerosi advisors internazionali - come “una specie di esercizio della distanza, che spinge a vedere il nostro presente da lontano”.  Attraverso le opere di 50 artisti internazionali, presentate su una superficie espositiva di oltre 3000 mq, il pubblico sperimenta la sensazione “di vedersi proiettato a qualche migliaio di anni luce di distanza per rivedere il mondo di oggi come se fosse un reperto fossile [……] con la sensazione di essere sospesi in un limbo tra un passato ormai lontanissimo e un futuro ancora distante”.

 

In questo limbo, in un percorso espositivo in cui tutte le espressioni e i linguaggi artistici (musica, architettura, teatro, danza) saranno interconnessi, tra spazi e suoni che si succedono, in un movimento che inevitabilmente ci allontana e riavvicina al presente attraverso le chiavi di lettura delle opere esposte, si colloca anche il lavoro di Gianni Pettena “Complementi di storia dell’architettura” in cui l’elemento di sguardo sul ‘passato’ sta soltanto nella data della sua prima realizzazione (1978, Biennale di Venezia) mentre la sua sostanza significante si trova e si troverà in ogni tempo.  Il percorso compiuto dalla pietra spezzata così come si può trovare in natura, che si struttura poi in un muro in cui la pietra lentamente subisce una lavorazione, in tutte le fasi intermedie, fino a diventare una superficie tirata a specchio, è infatti una simbolica storia dell’architettura.


0 Commenti

Mostra "Relevant Notes". New York, Cara Gallery. 23.6-30.7.2016

RELEVANT NOTES 

23 giugno-30 luglio 2016

Cara GalleryNew York

http://caragallery-llc.com/index.php/exhibitions/

 

La mostra presenta le opere di 11 artisti in dialogo tra loro al fine di esplorare i confini tra le discipline, tra arti performative, land art e architettura, attraverso i media più diversi: installazioni, disegni, fotografia, pittura e scultura.  Le opere, tutte realizzate negli ultimi cinquanta anni, costituiscono un’importante documentazione che testimonia come l’artista interpreti l’idea di un intervento dell’uomo su un contesto.

 

Relevant Notes, vuole essere un commento sulla natura temporanea delle strutture spaziali e sui costanti mutamenti dell’ambiente.  Le caratteristiche fisiche e mentali del ‘fare arte’ qui si integrano nel tentativo di esprimere l’importanza di creare la storia di un luogo e riconoscervi la presenza dell’artista.

 Gli 11 artisti partecipanti sono Christo & Jeanne-Claude, Ebtisam Abdulaziz, Matteo Berra, Igor Eskinja, Bruna Esposito, Franklin Evans, Diango Hernández, Andrés Jaques, Federico Luger, Jason Middlebrook, Gianni Pettena.

Nella mostra, Gianni Pettena è presente con la sua grande installazione in cartone Grazia&Giustizia , costruita per la prima volta, e distrutta nello stesso giorno, nel 1968.

 


0 Commenti

Mostra "Un Art Pauvre". Parigi, Centre Pompidou. 8.6-29.8.2016

UN ART PAUVRE  

8 giugno-29 agosto 2016

Centre PomipidouParigi

https://www.centrepompidou.fr

 

Con Un art pauvre, manifestazione multidisciplinare e inedita, il Centre Pompidou propone una rassegna delle pratiche artistiche sull’idea di “povero” in ambito creativo a partire dagli anni ’60: nelle arti plastiche, con la prevalenza della corrente della Arte Povera, ma anche nel campo dell’architettura e del design, della musica, del teatro e del cinema sperimentale. Vengono così presentati artisti ed esponenti di movimenti la cui ricerca ha rivendicato gesti arcaici, usando materiali “poveri” cui veniva attribuito un forte potere simbolico.  Il movimento dell’Arte Povera è presentato con particolare ampiezza nella Galleria 4 dove, oltre ad illustrare l’influenza di Fontana, Manzoni e Burri, sono esposte circa quaranta opere dei massimi rappresentanti del movimento. 

 

 

Al quinto piano del Museo, nella mostra “Architecture et Design.  Autour de Global Tools (1973-75)”,  l’argomento del “povero” viene presentato nei suoi aspetti tangenti con l’architettura e il design attraverso disegni, modelli, foto, installazioni e oggetti realizzati soprattutto nell’ambito della Global Tools, una “contro-scuola” di design fondata nel 1973 da alcuni esponenti dell’architettura radicale, in cui si teorizzava e si cercava di mettere in pratica un sapere alternativo, basato sulla manualità, sui materiali poveri e sulla sperimentazione in ambito urbano.   L’Architettura Radicale (così definita proprio da Germano Celant) ebbe d’altra parte forti legami con l’Arte Povera: infatti nel ‘radicale’ l’azione veniva privilegiata rispetto al progetto e l’architettura subiva l’influenza delle arti visive poiché entrambi aspiravano ad un ripensamento dello spazio sociale e politico.  L’ Insieme delle opere presentate, di Andrea Branzi, Ettore Sottsass, Michele De Lucchi, Ugo La Pietra, Riccardo Dalis, Franco Raggi e Gianni Pettena, testimonia una volontà di riappropriazione della città sia attraverso interventi sullo spazio pubblico sia attraverso la critica alla società dei consumi: così gli oggetti realizzati da Dalisi con i bambini di un quartiere di Napoli,  le “Abitazioni verticali” di De Lucchi, le lampade di Raggi e Binazzi, i “Design metaphors” di Sottsass e la grande installazione “Wearable chairs” (Sedie da indossare) di Gianni Pettena che pur realizzata in precedenza (1971) negli USA, è un esempio particolarmente aderente al tema generale della mostra.  Viene inoltre esposta un’ampia documentazione, in gran parte inedita (inviti, manifesti, riviste, fotografie, etc.) sia relativa all’attività della Global Tools che alle mostre in cui vi fu un diretto contatto tra artisti della ‘arte povera’ e architetti ‘radicali’.

 

 


0 Commenti

Mostra "L''inarchiviabile". Milano, Frigoriferi Milanesi. 8.4-15.6.2016

L'Inarchiviabile  

8 aprile-15 giugno 2016

Frigoriferi Milanesi, via Piranesi 10 - Milano

 http://www.frigoriferimilanesi.it/

 

 In occasione di Miart 2016, FM Centro per l’Arte Contemporanea, un nuovo polo dedicato all’arte e al collezionismo che raccoglie in un unico contesto tutti i soggetti e le funzioni connesse alla valorizzazione, esposizione e conservazione dell’arte, inaugurerà il 7 aprile con la mostra L’Inarchiviabile/The Unarchivable curata da Marco Scotini in collaborazione con Lorenzo Paini. La mostra presenterà un’ampia ricognizione della scena artistica italiana degli anni ’70 e oltre 200 opere di 60 artisti - tra cui Vincenzo Agnetti, Carla Accardi, Alighiero Boetti, Gianfranco Baruchello , Gianni Colombo, Dadamaino, Piero Gilardi, Paolo Icaro, Jannis Kounellis, Ketty La Rocca, Fabio Mauri, Ugo Mulas, Michelangelo Pistoletto, Vettor Pisani, Franco Vaccari, Gilberto Zorio - provenienti dalle maggiori collezioni private italiane.. Le opere saranno articolate in diverse sezioni: accanto alle partiture musicali di Sylvano Bussotti, Giuseppe Chiari e Luigi Nono ci sarà l’architettura radicale di Ugo La Pietra, Gianni Pettena, Ettore Sottsass e Superstudio, e sezioni dedicate alla fotografia, all’animazione urbana, al libro e al cinema sperimentale.

0 Commenti

Sentiment of Beauty. La bellezza messa in luce. Biblioteca Statale Lucca.1.4.16, h.16,30.

Sentiment of Beauty. La bellezza messa in luce. 
Biblioteca Statale Lucca. 1.4.2016, ore 16,30.

L’edizione di Sentiment of Beauty 2016 che si svolgerà nel centro storico di Lucca, sarà in collaborazione con la Soprintendenza di Lucca e la Biblioteca Statale di Lucca.

Il tema guida della tavola rotonda che collegherà gli interventi dei relatori sarà la luce, da qui il titolo: “La bellezza messa in Luce”. Lo svolgimento della rassegna consisterà in una tavola rotonda dove saranno presenti il Soprintendente di Lucca Prof. Luigi Ficacci e Don Mauro Lucchesi per parlarci della Luce nell’arte e nella Parola, l’Architetto Gianni Pettena per la sua visione di un’architettura di luce,  l’imprenditrice Emiliana Martinelli di Martinelli Luce e l’artista Liliana Moro.  Modera la tavola rotonda Marco Carminati de Il Sole 24 Ore.  

Come sempre in Sentiment of Beauty, la parola è intervallata dalla musica e in quest’occasione saranno le arpe antiche della preziosa Collezione Giulini, a scandire i tempi della tavola rotonda.  L’evento si concluderà  con la presentazione di un’opera di Liliana Moro. 

Download
SENTIMENT OF BEAUTY LUCCA 2016.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.3 MB

0 Commenti

La Ville au Loin. Frac Centre-Val de Loire,Orléans. 1.4-18.9.16

LA VILLE AU LOIN

(La città ormai lontana)

 

Frac Centre-Val de Loire, Orléans - 1.04.2016 / 18.09.2016

http://www.frac-centre.fr

 

Poiché l’idea tradizionale di città si sta ormai “allontanando”, modificandosi fin quasi a riguardare l’intero territorio, la mostra si propone di esplorarne ogni aspetto, cercando di catturare sia l’intimità di un angolo di strada che l’intera estensione del paesaggio urbano.

Ora che la terra intera è diventata un insieme di prossimità urbane, come si collocano queste prossimità, e come resistono, se ancora esistono, le speranze di una lontananza? Il percorso della mostra si colloca tra queste due domande. E’ stata scelta un’opera in ognuno dei 22 altri FRAC che dialogasse con la collezione del Frac Centre e con le opere degli artisti africani invitati, perpetuando così la tradizione del Frac stesso quale luogo di “migrazioni disciplinari” di arte e architettura. Il pubblico viene accolto dalla Tenda rossa di Franco Raggi che, a immagine dell’intera collezione, introduce alla mostra con una sorta di vaghezza creativa poiché vi si trovano elementi sia di pittura che di scultura e architettura. 

Il visitatore, spettatore e attore, segue il percorso della mostra come se camminasse in una città. Il posto specifico di ogni individuo è ciò che si propone di individuare l’opera Paper/Midwestern Ocean di Gianni Pettena (l'opera appartiene alla 49 Nord 6 Est – Frac Lorraine collection) in cui l’artista riempie una sala di strisce di carta che il pubblico taglia per crearsi uno spazio proprio, così che lo spettatore diviene esso stesso parte dell’opera.

Proseguendo, si incontrerà poi ad esempio una città immaginaria dell’artista nigeriano Emeka Ogboh che crea un accattivante universo sonoro. E la mostra, dopo i suoi molti episodi, si conclude con una favola, Medium total di Gunther Domenig e Eilfried Huth, in cui l’architettura è diventata organismo biologico mutante.

Attraverso ottanta opere sia di artisti che di architetti, la mostra diviene così occasione per una ‘passeggiata’ nella città vicina e lontana: possiamo incontrare sia una Torre di Babele che una cabina telefonica o uno skyline di grattacieli.

Per tutta la durata della mostra sarà visibile sul sito web del Frac Centre-Val de Loire una video-intervista a Gianni Pettena del nuovo direttore, Abdelkader Damani.

 

In occasione del Mese dell’architettura contemporanea, “La ville au loin”, è stata concepita come uno spettacolo in quattro atti, tre dei quali di svolgono, oltre ad Orléans, a Rouen, Montepellier e Marsiglia.

In particolare al Frac Languedoc-Roussilon verrà presentata una mostra monografica su Superstudio, gruppo fondamentale per l’architettura radicale italiana degli anni ’60-’70. 

 

Paper/Midwestern Ocean di Gianni Pettena

0 Commenti

ZonArte ad Artissima 2015. Torino, Spazio ZonArte, Artissima 6-8.11.15. 

ZonArte 2015 lo spazio e il tempo dove il pubblico incontra l’arte contemporanea 

 

TORINO, 6- 8 novembre 2015, Spazio ZonArte – Artissima 

 www.zonarte.it 

 

ZonArte - L’opera  irraggiungibile.  Esposizione  di  opere  attraverso  la  narrazione,  con   molteplici  dispositivi  

Giunto alla sesta edizione, il progetto ZonArte verifica e rinnova il suo impianto, rafforzando la sua identità originaria e la sua vocazione a sviluppare efficaci modelli di partecipazione alla cultura, proponendo l’esperienza dell’arte come esperienza di conoscenza, di crescita personale e collettiva.

Coniugando aspetti più teorici, analitici e autoriflessivi ad altri più pratici, esperienziali e di partecipazione diretta, ZonArte 2015 si è concretizzato nella realizzazione di un convegno sul ruolo socioculturale e educativo delle istituzioni d’arte contemporanea e di un workshop, che trovano ad Artissima il loro compimento, nella proposta per il pubblico della Fiera di una serie di azioni, talks e conversazioni sul valore della conoscenza, dell’esperienza e della relazione connessi all’opera d’arte. 

SABATO  7 novembre,  12:30  

Meeting  Point:  GENEALOGIA  E  PEDAGOGIA  DELLE  ARTI  ECOLOGICHE

Il  Network  Zonarte  (F.Barbaro,  O.Brombin,  M.Petriccione,  A.Pironti,  P.Zanini)  incontra:   Piero  Gilardi,  artista,  fondatore  PAV  –  Parco  Arte  Vivente     Ugo  La  Pietra,  artista     Gianni  Pettena,  artista  e  critico     Marco  Scotini,  critico  d’arte  e  curatore  indipendente,  direttore  Dipartimento  Arti  Visive  e  Studi   Curatoriali  NABA,  Nuova  Accademia  di  Belle  Arti.

 

Download
ZonArte - L’opera irraggiungibile. Esposizione di opere attraverso la narrazione, con molteplici dispositivi
Programma completo
zonarte completo artissima.pdf
Documento Adobe Acrobat 140.2 KB

0 Commenti

ALLURES. Frac Centre,Orléans, 9.10.15-21.02.16. La mostra presenta una selezione di opere della collezione Frac Centre- Val de Loire.

ALLURES, Frac Centre, Orléans, 9.10.2015-21.02.2016 

http://www.frac-centre.fr/

 

La mostra presenta una selezione di opere della collezione Frac Centre-Val de Loire, sia  di recenti acquisizioni (Passi, Superstudio, Cantafora), che di altre mai o raramente esposte alle Turbulences (Niedermayr, Pettena, EZCT, Labdora, Andrault & Parat), ognuna delle quali contribuisce alla comprensione di come si possa esprimere l’idea di ‘presenza’ urbana e architettonica.

 

 

Allures indaga l’ambito del pensiero visionario in modo nuovo, significante e liberato, attraverso una selezione di opere di autori che colpiscono per la loro promessa di discontinuità (Archizoom Associati, UFO, Superstudio), ma estende la ricerca alla percezione di una condizione di riscoperta e rinnovamento, imbevuta da storia e di rinnovate memorie (Libeskind), di realtà manipolata (Casebere, Pettena) o rimotivata (Ian+).

Bozzetti, schizzi, griglie, istogrammi, tipologie, progetti, modelli, fotografie o immagini in movimento..Che si tratti di un gesto reale o siano espressione di strumentazione digitale, queste opere devono essere viste nella loro seminale condizione di fragilità che dà loro forma, forza e densità. La presenza di artisti e architetti invitati (Farah Atassi, Eva Le Roi, Studio sNCDA, Office KGDVS, Vincent Lamouroux, Hayoun Kwon) si integra con le opere della collezione, individuando simmetrie, questioni di metodo e  maniere di definire la conoscenza e la percezione di ciò che è tangibile.

  

0 Commenti

ARCHIPENSIERI. Voci e immagini dell'architettura - 8 ottobre-19 novembre 2015. GIANNI PETTENA moderatore in un ciclo di quattro incontri al MAC di Lissone.

Museo d’Arte Contemporanea - Lissone - MB     

www.museolissone.it 

 

Al MAC di Lissone i grandi nomi dell’architettura e del design: quattro incontri incentrati sui protagonisti e le tendenze che hanno segnato gli ultimi quarant’anni.

 

Calendario degli incontri  

GIOVEDÌ 8 OTTOBRE  ORE 21:00

Lapo BINAZZI - Ugo LA PIETRA - Adolfo NATALINI    

GIOVEDÌ 15 OTTOBRE  ORE 21:00

Aldo CIBIC - Nanda VIGO  

GIOVEDÌ 22 OTTOBRE  ORE 21:00

Massimo IOSA GHINI - Franco RAGGI  

GIOVEDÌ 19 NOVEMBRE  ORE 21:00

Franco PURINI - Vincenzo TRIONE

presentazione del libro  “Il cinema degli architetti”  


Moderatore delle serate: Gianni PETTENA


Il ciclo di appuntamenti al museo intende riflettere sull’architettura radicale e postmoderna portando all’attenzione del pubblico le ricerche che avevano messo in crisi il significato della disciplina architettonica. Grazie alla testimonianza di alcuni dei protagonisti della scena internazionale, sarà possibile ripensare l’estetica e le teorie tradizionali all’insegna dell’utopia, dell’ironia, della sovversione, della dissacrazione e dell’ecclettismo che infiammarono l’ultimo terzo del XX secolo.  

I quattro incontri nascono dalla volontà di rileggere il DNA della cittadina briantea che sin dalla seconda metà del 1800 è stata  profondamente legata all’interior design, suo cuore pulsante, che ne fece un’eccellenza nell’ambito della manifattura mobiliera.  A Lissone, nel 1870, venne fondata la Scuola Professionale di Disegno e Intaglio – ora Istituto Professionale di Stato per l'Industria e l'Artigianato; a fine 1800 sorsero le prime grandi esposizioni di mobili ed ebbe inizio una lunga storia di esportazioni all’estero; qui nacquero le aziende in grado di ridurre i tronchi in tavole e produrre i primi compensati grazie all’ausilio di macchine e innovazioni industriali. Sempre a Lissone, nel 1936 nacque la prestigiosa "Settimana del Mobile"; cinque anni più tardi è stata istituita la Biblioteca del Mobile e dell’Arredamento, unica nel suo genere e ancor oggi fonte di interesse e di studi sull’argomento. Oggi, con la consapevolezza di un passato senza eguali, le attività 

culturali promosse dal Comune di Lissone all’interno del Museo d’Arte Contemporanea si pongono l’obiettivo di valorizzare la cittadina lissonese all’insegna di un ritorno e di un rinnovamento nell’ambito del design e dell’architettura.   


L’iniziativa è inserita nel progetto Meet Brianza Expo_Fuori Expo in Brianza finanziata da Regione Lombardia e Camera di Commercio di Monza e Brianza, con il coordinamento della Provincia di Monza e della Brianza. 

1 Commenti

BEYOND ENVIRONMENT - 26 settembre-20 dicembre 2015. GIANNI PETTENA, ALLAN KAPROW,  GORDON MATTA-CLARK, ROBERT SMITHSON,  UGO LA PIETRA, UFO, 9999.

Museo d’Arte Contemporanea - Lissone - MB     

www.museolissone.it 

 

INAUGURAZIONE: SABATO 26 SETTEMBRE 2015, ORE 18.00

 

La ricerca condotta da Emanuele Piccardo e Amit Wolf, con il sostegno della Graham Foundation e della Woodbury University sul tema della relazione tra arte e ambiente, arte e architettura, tra Italia e America nel decennio Sessanta-Settanta, approda al Museo di arte contemporanea di Lissone dopo l’iniziale presentazione al  Los Angeles Contemporary Exhibitions (2014),  e la prima tappa in Italia presso Casa Masaccio Arte Contemporanea a San Giovanni Valdarno  (marzo-aprile 2015).

Beyond Environment  è un progetto che esplora  l’interscambio tra architettura, land art e performing art  che emerge dal lavoro di Gianni Pettena e le sue collaborazioni con gli artisti americani, Allan Kaprow e Robert Smithson nei primi Anni Settanta, indagando al contempo sui diversi significati di environment in Europa e America nel decennio Sessanta-Settanta, e confrontando i diversi contesti, italiano e nordamericano, e gli aspetti della ricerca radicale in Europa e della conceptual art, land art e happening negli USA.  La mostra presenta  opere di Pettena, Kaprow, Smithson, Matta-Clark, insieme a quelle del contesto fiorentino ed italiano della Superarchitettura con gruppi “radicali” come UFO, Superstudio, 9999, Ugo La Pietra e Pietro Derossi. 

GAM PALERMO - 27 giugno - 7 settembre 2015. GIANNI PETTENA / MARC WILLIAM  ZANGHI. IMMAGINARI DI UNO STARE. Progetto ideato da Lorenzo Bruni.   

INAUGURAZIONE: VENERDì 26 GIUGNO 2015, ORE 18.30

 

Alla Galleria d'Arte Moderna di Palermo, dal 27 giugno al 7 settembre 2015, sarà ospitato un originale dialogo tra la pittura di Marc William Zanghi, uno tra i più importanti rappresentanti della giovane arte siciliana, la cui figurazione s’inserisce sul sentiero tracciato dai protagonisti della cosiddetta “Scuola di Palermo”, e gli interventi architettonici di Gianni Pettena uno degli esponenti più accreditati dell'architettura radicale, sorta a Firenze alla fine degli anni Sessanta.

 

Il progetto si inserisce all’interno del ciclo di mostre realizzate nello spazio temporaneo della GAM di Palermo per valorizzare il circuito di artisti contemporanei attivi in Sicilia. Questa ulteriore tappa ha la peculiarità di creare una maggiore attenzione al confronto tra oggetto osservato e osservatore, contenuto e contenitore – che Zanghi ha da sempre sottolineato nella sua ricerca – grazie alle installazioni di Gianni Pettena che per l'occasione propone alcuni degli lavori nati nel 1968 proprio nel capoluogo siciliano.

L’esposizione, curata da Lorenzo Bruni, presenterà 30 dipinti e sculture di Marc William Zanghi posti negli spazi del museo palermitano, appositamente modificati da tre interventi di Gianni Pettena.

Il percorso espositivo scandito dalle opere di Marc William Zanghi prende avvio da sei nuove tele di grandi dimensioni, con soggetti di foreste tra l'esotico e il fantasy e continua con quattro esili sculture installative, teste in miniatura che evocano reperti archeologici, realizzate con resina poliuretanica e acrilico, e si chiude con quindici quadri appartenenti a cicli della produzione precedente, associati in un'originale riflessione sulla figura dell'antieroe. Oltre a questi, saranno esposti due lavori inediti su carta e due teche contenenti altre sculture/teste che, dialogando con gli interventi monocromi realizzati su tre pareti, stabiliscono una relazione particolare con la visita/scoperta del luogo da parte dell'osservatore.

L’itinerario di Gianni Pettena corrisponde a tre interventi spaziali volti a scardinare il normale rapporto di contenitore e contenuto su cui si fonda l'architettura occidentale. Questo è evidente con l e “sedie indossabili” - utilizzate per una performance/happening nel centro urbano di Minneapolis nel 1971 - che, durante l’inaugurazione, vestiranno alcuni studenti in un'azione “surreale”. Le stesse saranno successivamente esposte, sospese al centro della sala per dare vita ad un'insolita installazione/scultura.

L'opera APPLAUSI, una valigia portatile con la luce che si accende a intermittenza - creata per la prima volta nel 1968 per il VI Festival della Musica d'Avanguardia, tenutosi al Teatro Biondo di Palermo, quindi presentata alla VI Biennale di Berlino nel 2010 - animerà il secondo ambiente. In questo caso il lavoro, nato come sfida ironica all'allora nascente pubblico televisivo, acquista una dimensione amara rispetto all'attuale assenza di pubblico nel mondo globale digitale, dal momento che tutti gli utenti si considerano protagonisti attivi. L'installazione MILITE IGNOTO, le cui lettere saranno visualizzate tramite sagome in cartone alte due metri ciascuna, organizzeranno lo spazio di una sala della GAM in maniera unica. All’esterno del museo saranno

visibili le due installazioni CARABINIERI (Novara, 1968) e GRAZIA&GIUSTIZIA realizzata per la prima volta a a Palermo nel 1968 durante una performance che prevedeva una processione per le vie della città. 

 

Creativa produzione - La Toscana e il design italiano 1950-1990

creativa produzione | La Toscana e il design italiano 1950-1990 | a cura di Gianni Pettena, Davide Turrini, Mauro Lovi

a cura di Gianni Pettena, Davide Turrini, Mauro Lovi

13 giugno – 1 novembre 2015

Orario: 11-13, 16-20. Chiuso il lunedì.

 

Inaugurazione venerdì 12 giugno 2015, ore 18.00


Nell’ambito delle iniziative culturali Piccoli Grandi Musei 2015. Toscana ‘900. Musei e Percorsi d’arte promosse dalla Regione Toscana, dall’Ente Cassa di risparmio di Firenze e dalla consulta delle Fondazioni bancarie toscane, la Fondazione Ragghianti propone un’esposizione che focalizza l’attenzione sui rapporti tra cultura del progetto e mondo produttivo in Toscana dagli anni Cinquanta ad oggi. Attraversando l’opera di importanti designers italiani e stranieri, la mostra pone l’accento sul ruolo fondamentale delle realtà produttive della regione, sottolineandone la capacità nel selezionare e nell’attrarre talenti, soprattutto dal mondo dell’arte e dell’architettura, e nel definire con loro la progettazione e la realizzazione di oggetti e prodotti di uso quotidiano. Ne emerge il ruolo fondamentale della Toscana nella costruzione dell’identità del design italiano. Il percorso espositivo affronta molteplici settori di produzione dall’arredo, agli oggetti d’uso in porcellana, ceramica, vetro, argento, al design del marmo e presenta testimonianze grafiche e materiche di aziende come Bitossi, Casigliani, Colle Vilca, Edra, Egizia, Fantacci, Giovannetti, Mancioli, Martinelli Luce, Officina, Pampaloni, Piaggio, Poltronova, Richard Ginori, Sarri, Ultima Edizione e Up & Up. Un ultimo sguardo è anche rivolto al fenomeno dell’autoproduzione.

Sede dell'esposizioneFondazione Centro Studi Ragghianti  

Complesso Monumentale di San Micheletto - Via San Micheletto  3, Lucca

www.fondazioneragghianti.it 

Download
Comunicato stampa: Creativa Produzione
Comunicato-Stampa.pdf
Documento Adobe Acrobat 73.5 KB

 

 

Les Turbulences

FRAC CENTRE – ORLEANS

 

MOSTRA   “Relief(s) – Designing the Horizon”

10 Aprile –20 Settembre 2015

Opening  Giovedì 9 Aprile  2015

 

La mostra si propone di affrontare il tema della montagna come ambiente alternativo in termini di esperienza spaziale e di produzione.  Su circa 700 mq verranno presentati sessanta lavori di architetti e artisti contemporanei proponendo un dialogo tra opere originali e opere presenti nella collezione del Frac Centre.


Gianni Pettena sarà in mostra  con il progetto  About non conscious architecture (1972-73).


 

Come segno e oggetto mitico, la montagna comunemente intesa è un elemento  geografico che  riporta ad un immaginario collettivo e universale.  Per l’architettura, questa “forma estrema di rilievo” rappresenta una totale alterità, una forma di resistenza che ostacola il suo programma originario di analisi e di organizzazione del mondo.

La mostra, e il programma ad essa collegato indagheranno sulle diverse presenze del “rilievo” nell’arte degli ultimi sessanta anni, evidenziandone il significato estetico e politico. Questo riguarda la radical architecture degli anni ’60 per la rappresentazione delle forme naturali “elementari” usate come strumento di critica dei modelli proposti dalla società industriale.


E nella sua ricerca di liberazione dalle forme, l’architettura-scultura di quegli stessi anni usa il “rilievo” per espandere l’idea di spazio: si delimita così  un nuovo orizzonte topografico che oggi gli strumenti informatici hanno reso possibile, e da questo deriva una condizione di più intensa percezione corporea.

 

www.frac-centre.fr



BEYOND ENVIRONMENT

 

CASA  MASACCIO  ARTE  CONTEMPORANEA

San Giovanni Valdarno, 28 marzo 2015

ore 17

book launch edizione italiana

Palazzo d'Arnolfo_Museo delle Terre Nuove

‎Intervengono:

Giovanni Bartolozzi,  Lapo Binazzi, Fausto Forte, Luca Galofaro, Gianni Pettena, Emanuele Piccardo, Amit Wolf.

Ore 19

opening mostra

 

 

Beyond Environment  esplora  l’interscambio tra architettura, land art e performing art  che emerge dal lavoro di Gianni Pettena e le sue collaborazioni con gli artisti americani, Allan Kaprow e Robert Smithson nei primi Anni Settanta, indagando al contempo sui diversi significati di environment in Europa e America nel decennio Sessanta-Settanta, e confrontando i diversi contesti, italiano e nordamericano, e gli aspetti della ricerca radicale in Europa e della land art e del happening negli USA.

 

Il progetto curato da Emanuele Piccardo e  Amit Wolf, in collaborazione con la Graham Foundation, è formato da una mostra, un libro in lingua inglese edito da Actar e l'edizione italiana curata dalla casa editrice plug_in .  La mostra per Casa Masaccio/centro per l'arte contemporanea (28 marzo -19 aprile) che rappresenta la prima tappa europea dopo l'appuntamento espositivo presso il Los Angeles Contemporary Exhibitions (2014), combina opere di Pettena, Kaprow, Smithson, Matta-Clark, insieme a quelle del contesto fiorentino ed italiano della Superarchitettura con gruppi “radicali” come UFO, Superstudio, 9999, Ugo La Pietra e Pietro Derossi, e amplia in questa occasione i suoi contenuti enfatizzando il rapporto che lega Pettena e gli UFO a San Giovanni Valdarno, fin dal Premio Masaccio (1968). Il progetto è arricchito anche dall'inserimento di nuovi materiali presenti solo nel libro, come le fotografie di Record, Fluids e gli score dei 18  happenings in six part di Kaprow, insieme alla serie di immagini della Spiral Jetty di Smithson.

 

www.beyond-environment.com

http://www.casamasaccio.it/