NEWS



Televisionario. Fondazione Prada, Milano 8 maggio-24 settembre 2017

leggi di più 0 Commenti

"Montagne naturali" & "Levitazione" di Gianni Pettena

leggi di più

Spazio vuoto riservato a Gianni Pettena |Mega, Milano | 29 Mar 2017 - 2 Apr 2017

Gianni Pettena

Spazio Vuoto Riservato a Gianni Pettena

 

29 Mar 2017 - 2 Apr 2017

Vernissage mercoledì 29, 18.30-22

MEGA, Piazza Vetra 21, Milano

 http://www.megamegamega.it

 

Gianni Pettena colloca la sua pratica artistica/intellettuale tra l’arte concettuale e la land art, con un leitmotiv in cui il suo credo si confronta sempre con una fisicizzazione ricondotta alla scala del corpo e del contesto. Spazio Vuoto Dedicato a Gianni Pettena, un progetto inedito per l’Italia, indaga gli aspetti più profondi dello spazio vissuto, un percorso verso la scoperta di un approccio altro della disciplina architettonica. Questo lavoro si snoda tra rottura e memoria alla ricerca di una nuova definizione dello spazio e del rapporto dicotomico tra pieno e vuoto. Attraverso l’uso della performance, si intende creare una spaccatura con il termine e l'idea stessa di vuoto, al fine di attribuire ad esso una nuova e fragorosa valenza simbolica, così che il pubblico viene portato a riflettere sulla spazialità vissuta da ogni individuo.  L’atto della performance innesca il momento artistico, ma sarà il suo esaurirsi a cristallizzarne e formalizzarne i lasciti, ben evidenti e in continua interazione tra l'interno e l'esterno dello spazio di MEGA. 

0 Commenti

Conferenza artiparlando: Gianni Pettena | 16 Marzo 2017, ore 20 | Museion Bolzano

Conferenza

artiparlando: Gianni Pettena

Giovedì 16 Marzo 2017, ore 20 | Museion Bolzano

Il progetto come linguaggio

 

L’arte suscita interrogativi, il design li risolve. Il design cerca la funzione, mentre l’arte non

ha uno scopo pratico: ma è ancora così? Che rapporto c’è tra funzionalità e libera

creatività in due discipline affini, ma diverse, come il design e l’arte? Quanto sappiamo

leggere il linguaggio che parlano gli oggetti di design? Come presentarli e comunicarli in

un museo?

Quattro relatori di alto livello affrontano queste domande da diverse prospettive e

angolazioni. Il ciclo di artiparlando 2017 prende spunto dall’attivazione del curriculum in

Arte nel Corso di Laurea in Design e Arti della Libera Università di Bolzano.

Gianni Pettena

Architetto, artista, docente, critico, tra i fondatori del movimento dell’Architettura Radicale.

Le sue opere sono conservate in numerose collezioni private e di musei e istituzioni

internazionali.

See more at: http://www.museion.it/2017/03/artiparlando-2/

leggi di più 0 Commenti

Mostra “ORIENTATION”. Parigi, Galleria 'salle principale'. 17 febbraio – 15 aprile 2017

Red Line ( Salt Lake City, 1972)
Red Line ( Salt Lake City, 1972)

ORIENTATION

Galleria 'salle principale', Parigi

17 febbraio — 15 aprile 2017 (Opening 16 febbraio ore 18)

 https://www.salleprincipale.com/galerie

 

Tema della mostra, a cui partecipano les gens d’Uterpan, Dominique Mathieu, Gianni Pettena, Matthieu Saladin e Lois Weinberger,  è il concetto di viaggio sia in contesto urbano che nel paesaggio.

Gianni Pettena presenterà una composizione fotografica sulla performance Red Line (Salt Lake City, 1972).

Red Line, ultima delle tre opere realizzate durante il soggiorno a Salt Lake City nel 1972, consiste nella 'fisicizzazione' del confine comunale, una linea rossa di circa quaranta chilometri dipinta sulla strada seguendo, come carta di navigazione, la pianta della città e la delimitazione del confine comunale: un'operazione realizzata sporgendosi da un camioncino sul quale erano stati caricati qualche bidone di vernice rossa, una pistola a spruzzo e un compressore per farla funzionare.

La performance conclude una trilogia di lettura metaforica delle contraddizioni della città contemporanea, della sua stupidità come delle sue bellezze, compiuta con interventi che hanno anche una valenza strettamente contestuale poiché affrontano il tema del rapporto con la città, il rapporto con l'abitare oggi, in un luogo in cui la presenza degli elementi naturali, in particolare del Grande Lago e del Grande Deserto Salato, è particolarmente rilevante.


0 Commenti

 

 

Les Turbulences

FRAC CENTRE – ORLEANS

 

MOSTRA   “Relief(s) – Designing the Horizon”

10 Aprile –20 Settembre 2015

Opening  Giovedì 9 Aprile  2015

 

La mostra si propone di affrontare il tema della montagna come ambiente alternativo in termini di esperienza spaziale e di produzione.  Su circa 700 mq verranno presentati sessanta lavori di architetti e artisti contemporanei proponendo un dialogo tra opere originali e opere presenti nella collezione del Frac Centre.


Gianni Pettena sarà in mostra  con il progetto  About non conscious architecture (1972-73).


 

Come segno e oggetto mitico, la montagna comunemente intesa è un elemento  geografico che  riporta ad un immaginario collettivo e universale.  Per l’architettura, questa “forma estrema di rilievo” rappresenta una totale alterità, una forma di resistenza che ostacola il suo programma originario di analisi e di organizzazione del mondo.

La mostra, e il programma ad essa collegato indagheranno sulle diverse presenze del “rilievo” nell’arte degli ultimi sessanta anni, evidenziandone il significato estetico e politico. Questo riguarda la radical architecture degli anni ’60 per la rappresentazione delle forme naturali “elementari” usate come strumento di critica dei modelli proposti dalla società industriale.


E nella sua ricerca di liberazione dalle forme, l’architettura-scultura di quegli stessi anni usa il “rilievo” per espandere l’idea di spazio: si delimita così  un nuovo orizzonte topografico che oggi gli strumenti informatici hanno reso possibile, e da questo deriva una condizione di più intensa percezione corporea.

 

www.frac-centre.fr



BEYOND ENVIRONMENT

 

CASA  MASACCIO  ARTE  CONTEMPORANEA

San Giovanni Valdarno, 28 marzo 2015

ore 17

book launch edizione italiana

Palazzo d'Arnolfo_Museo delle Terre Nuove

‎Intervengono:

Giovanni Bartolozzi,  Lapo Binazzi, Fausto Forte, Luca Galofaro, Gianni Pettena, Emanuele Piccardo, Amit Wolf.

Ore 19

opening mostra

 

 

Beyond Environment  esplora  l’interscambio tra architettura, land art e performing art  che emerge dal lavoro di Gianni Pettena e le sue collaborazioni con gli artisti americani, Allan Kaprow e Robert Smithson nei primi Anni Settanta, indagando al contempo sui diversi significati di environment in Europa e America nel decennio Sessanta-Settanta, e confrontando i diversi contesti, italiano e nordamericano, e gli aspetti della ricerca radicale in Europa e della land art e del happening negli USA.

 

Il progetto curato da Emanuele Piccardo e  Amit Wolf, in collaborazione con la Graham Foundation, è formato da una mostra, un libro in lingua inglese edito da Actar e l'edizione italiana curata dalla casa editrice plug_in .  La mostra per Casa Masaccio/centro per l'arte contemporanea (28 marzo -19 aprile) che rappresenta la prima tappa europea dopo l'appuntamento espositivo presso il Los Angeles Contemporary Exhibitions (2014), combina opere di Pettena, Kaprow, Smithson, Matta-Clark, insieme a quelle del contesto fiorentino ed italiano della Superarchitettura con gruppi “radicali” come UFO, Superstudio, 9999, Ugo La Pietra e Pietro Derossi, e amplia in questa occasione i suoi contenuti enfatizzando il rapporto che lega Pettena e gli UFO a San Giovanni Valdarno, fin dal Premio Masaccio (1968). Il progetto è arricchito anche dall'inserimento di nuovi materiali presenti solo nel libro, come le fotografie di Record, Fluids e gli score dei 18  happenings in six part di Kaprow, insieme alla serie di immagini della Spiral Jetty di Smithson.

 

www.beyond-environment.com

http://www.casamasaccio.it/