15. giugno 2018
curated by Adam Budak Artists: Mariana Castillo Deball, Claudia Comte, Alessandro De Francesco, Alicja Kwade, Sissa Micheli, Štefan Papčo, Giuseppe Penone, Simon Perathoner, Gianni Pettena, Agnieszka Polska, Jiří Příhoda, Gregor Prugger, Mathilde Rosier, Egill Sæbjörnsson, Fabien Vallos, Nico Vascellari, Franz West. Press conference: 21.06.2018 at 11, Hotel Adler, Ortisei, Italy Vernissage: 23.06.2018 at 17.30 Col de Flam, Ortisei, Italy Performances by: Alessandro De Francesco, Sissa...
15. giugno 2018
A cura di Adam Budak Artisti: Mariana Castillo Deball, Claudia Comte, Alessandro De Francesco, Alicja Kwade, Sissa Micheli, Štefan Papčo, Giuseppe Penone, Simon Perathoner, Gianni Pettena, Agnieszka Polska, Jiří Příhoda, Gregor Prugger, Mathilde Rosier, Egill Sæbjörnsson, Fabien Vallos, Nico Vascellari, Franz West Conferenza stampa: Giovedì 21 giugno, ore 11, presso l’Hotel Adler, Ortisei Inaugurazione: Sabato 23 giugno 2018, ore 17:30, Col de Flam, Ortisei Performances di:...
08. giugno 2018
The Second Yinchuan Biennale Starting from the Desert. Ecologies on the Edge June 9–September 19, 2018 Museum of Contemporary Art Yinchuan Yinchuan, China www.moca-yinchuan.com The MOCA Yinchuan is the first contemporary art museum in North-Western China. The city of Yinchuan (Ningxia region) lies below the Gobi Desert and above the Yellow River. The routes leading to the city were once those of the Silk Road. Yinchuan was the last station on the silk road. Here, where the desert ends amidst...
08. giugno 2018
Seconda Biennale di Yinchuan Starting from the Desert. Ecologies on the Edge 9 Giugno–19 Settembre 2018 Museum of Contemporary Art Yinchuan Yinchuan, China www.moca-yinchuan.com Il MOCA di Yinchuan è il primo museo di arte contemporanea del nord ovest della Cina. La città di Yinchuan (nella regione Ningxia) si trova tra il Deserto di Gobi e il Fiume Giallo e le strade che un tempo si percorrevano per raggiungerla erano quelle della Via della Seta. Yinchuan era l’ultima stazione sulla via...
22. febbraio 2018
Io sono la spia (I am the spy) - Milan 1973. Members of Global Tools brought together by "Casabella" magazine.
"Io sona la spia": the man holding the sign bearing these words is a free man. Being free, from Pettena’s standpoint, means ignoring the zeitgeist, soaring above burdensome conformism, and emancipating oneself from the group and its convergent views. This is a surprise event, free from all restricted thoughts, be they conventional or radical. With this unexpected gesture, Pettena puts us in mind of Marcel Duchamp’s refusal "to be an artist in today’s sense of the word", nor yet an "anti-artist",
22. febbraio 2018
IO SONO LA SPIA - Milano 1973
GIANNI PETTENA Le permis de penser (Licenza di pensare) Galleria Salle Principale, Parigi 3 marzo – 12 maggio 2018 Opening, 2 marzo 2018, dalle 5 alle 9 “Io sono la spia”: l’uomo che mostra il cartello con queste parole è un uomo libero. Essere libero, secondo Pettena, significa ignorare lo zeitgeist, elevarsi al di sopra del peso del conformismo, ed emanciparsi dal gruppo e dalle sue opinioni condivise. Questo evento è stato un’improvvisazione, libera da ogni costrizione...
22. febbraio 2018
MURALNOMAD Le Quadrilatère, Beauvais February 23 – August 19 2018 Opening, February 23 2018, 6 pm On exhibit, as well as on the poster introducing it, “Sprofondo” (1989), tapestry by Gianni Pettena.
22. febbraio 2018
La mostra, curata da Dominique Mathieu, sull’arte della tessitura contemporanea, è ispirata e prende nome dal concetto di “muralnomad” di Le Corbusier. In esposizione l’arazzo “Sprofondo” di Gianni Pettena (1989).
23. novembre 2017
ENERGY FREE TREE GIANNI PETTENA for MUSEION Bolzano/Bozen, from November 23rd 2017, 7.30 pm Even using something that seems by now to be completely useless, imitating nature but not damaging it, one can create a symbol for days traditionally considered of re-birth and peace. www.museion.it
23. novembre 2017
ENERGY FREE TREE GIANNI PETTENA per MUSEION Bolzano/Bozen, dal 23 novembre 2017, ore 19,30 Anche usando qualcosa che sembra ormai del tutto inutilizzabile, imitando la natura ma senza danneggiarla, si può creare un simbolo per giorni da sempre considerati di rinascita e di pace. www.museion.it

Mostra altro